Web e Grafica per il tuo lavoro

Marketing digitale e consulenza

Web



Il testo seguente vuole chiarire alcuni aspetti del web e dei siti in maniera semplice (ma completa) per essere compreso anche da chi non è programmatore o esperto informatico.

Come è fatto un sito internet.

Come scritto nella homepage, i siti internet di Coriokì nascono con lo scopo di pubblicizzare sul web il lavoro o i prodotti di un'attività commerciale, di un libero professionista o di un artigiano. Per questo motivo vengono chiamati siti web vetrina.

Le componenti di un sito web.

Un sito è formato da diverse pagine web che comunicano fra loro. Le istruzioni che danno vita alle pagine risiedono all'interno di esse, ma sono nascoste ai navigatori internet. Queste istruzioni sono scritte in codice e vanno considerate in maniera separata rispetto ai testi che contiene la pagina di un sito e che invece sono visibili e consultabili.
Immagina il sito web come un furgoncino. Le sue istruzioni sono il motore e tutti gli impianti meccanici ed elettrici che lo fanno funzionare, nascosti dalla carrozzeria. I testi invece sono le merci che il furgoncino trasporta.
Le istruzioni dei siti internet sono scritte in linguaggio HTML e CSS che non vengono considerati linguaggi di programmazione.
HTML e CSS infatti non prevedono l'uso di variabili matematiche, metodi ed altri funzionamenti tipici dei veri linguaggi di programmazione. HTML e CSS sono dei linguaggi di formattazione. Sono dotati cioè di parole speciali (tag) necessarie a definire le caratteristiche di una pagina (colore dello sfondo, tipo di carattere e dimensione di un testo, posizione degli elementi).
Il codice HTML si occupa dell'organizzazione delle informazioni mentre il CSS ne modifica i parametri estetici (colore, dimensione, posizione).
Queste pagine HTML e CSS vengono poi lette da computer specifici (server) che oltre a ospitare le pagine stesse ne elaborano i tag, trasformandole nelle pagine definitive consultabili in internet.
I codici di programmazione per il web sono PHP, Javascript, JQuery, MySql solo per citarne alcuni. Questi linguaggi differiscono per grammatica e possibilità, essendo nati con scopi differenti ed utilizzati per creare diversi tipi di effetti e comportamenti dei siti web.

Coriokì usa questi linguaggi solo in rare occasioni perché non fondamentali per il buon posizionamento di un sito internet e, secondariamente, perché appesantiscono le pagine web, ostacolandone il posizionamento.
Un sito web vetrina realizzato da Coriokì Studio è generalmente statico, scritto con HTML e CSS.

Statico e dinamico.

I due principali metodi per la creazione di siti web sono statico e dinamico.
È credenza comune che statico significhi vecchio, brutto e non al passo con i tempi, mentre con dinamico si tende a identificare un sito all'ultimo grido, pieno di effetti speciali e animazioni.
In realtà non è così.
La reale differenza fra statico e dinamico riguarda la creazione dei contenuti all’interno dei siti web.
Nel primo caso i contenuti sono creati da chi realizza il sito e non possono essere modificati se non mettendo mano al codice interno della pagina. Generalmente chi non ha conoscenze almeno basilari di HTML e informatica, non può modificare una pagina internet statica.
Nel secondo caso i contenuti vengono generati automaticamente.

Per fare un esempio, pensa a un venditore di pupazzi di stoffa.
Un venditore “statico”, deve cucire a mano ogni pupazzo. Qualora il proprietario del pupazzo volesse modificarlo in seguito, dovrebbe rivolgersi allo stesso autore o a un bravo sarto.
Un venditore “dinamico” invece, propone al cliente un macchinario automatizzato per la realizzazione di pupazzi. Collegato a un pannello di controllo per gestire svariate caratteristiche (dimensioni, colore, quantità di imbottitura, tipo di cuciture, vestiti), questo macchinario permette al cliente di creare il proprio pupazzo.
Non solo. Se l'acquirente lo volesse modificare dopo l'acquisto, gli basterebbe rimettere il pupazzo nella macchina e, usando il pannello di controllo, modificare quella che era la precedente versione del giocattolo.
Modifiche non previste dal macchinario (un pupazzo alto 10 metri), non saranno implementabili.

Questi macchinari, nella loro versione per il web, prendono il nome di CMS, Content Management System, interfacce di gestione contenuti.
Il web rende disponibili molteplici CMS utilizzabili gratuitamente.
Le interfacce che permettono a tutti di realizzazione siti internet in pochi minuti come WordPress, Joomla, Drupal o SilverStripe sono tutti dei sofisticati e versatili CMS. Essi permettono all'utente di modificare template (modelli precostituiti) per adattarli alle loro esigenze.
Si possono trovare template gratuiti ed altri a pagamento.

“Ma se i CMS sono così fantastici e vantaggiosi, perché pagare per avere un sito statico? Non è meglio risparmiare e pubblicizzare da me il mio lavoro utilizzando un CMS gratuito?”

Queste domande pongono interrogativi legittimi e, a prima vista, potrebbe davvero sembrare che il fai da te risulti la soluzione migliore.
Analizzando attentamente tutti gli elementi, scopriamo che non è così.
Se ti consegnassero una corda, un’imbragatura e un paio di moschettoni, ti caleresti da un burrone di 300 metri senza avere nessuna nozione alpinistica? Probabilmente no. Probabilmente vorresti l’aiuto di un'esperta guida alpina.
E' una battuta, eppure nell’ironia è nascosta una parte della verità.

Sei sicuro di poter inserire le informazioni corrette nel tuo sito e strutturarle in modo da farlo arrivare alle prime pagine di Google? Perché, se così non fosse, il sito risultante non sarà utile perché non sarà visto da nessuno.

Un sito, per generare pubblicità gratuita, deve raggiungere le prime pagine dei motori di ricerca.
Non solo.
Utilizzare Wordpress per fare un sito è come impiegare l'attrezzatura necessaria a scalare l'Everest per gareggiare in una corsa campestre. Nella corsa campestre bisogna essere veloci e leggeri. Con tutto il peso di un'attrezzatura del genere, è impossibile arrivare davanti. Senza contare che il suo impiego risulta completamente superfluo.
Infine, pur se questi CMS ti permettono di abbellire il sito con animazioni, effetti speciali e comportamenti particolari, essi trascurano fattori molto più importanti.
Vediamo quali:

Leggerezza

I CMS come WordPress, Joomla, Drupal o SilverStripe sono interfacce pesanti, processate da decine o centinaia di pagine e di codici diversi che interagiscono fra loro e che definiscono i comportamenti di tutte le loro parti.
Per effettuare modifiche dei template bisogna sempre agire per aggiunta e mai per sottrazione. Si ricorre così all'utilizzo di widgets e plug-in. Questi elementi non sono altro che ulteriori fogli di codice, pacchetti necessari ad aggiungere funzionalità o correggere e modificare elementi non graditi o mal funzionanti.
Questa pratica di correzione che non elimina l'esistente è efficiente quanto curare un'indigestione mangiando del pollo, sperando che il boccone pesante scenda e liberi le vie intasate.
Implementare widgets e plug-in appesantisce un sito già traboccante di ogni genere di codice e funzionalità (presenti anche se inutilizzate). Proprio perché con questi CMS si può solo aggiungere, anche il controllo delle varie parti che compongono il sito risulta macchinoso, lento, impreciso.

Versioni Mobile

Per versioni mobile si intende l’assetto di un sito che funziona su dispositivi mobili (telefonini, smartphone, tablet, phablet).
L’anno scorso, oltre il 90% della navigazione internet, nella sola provincia di Belluno, è avvenuta tramite telefonini. Un dato importantissimo per evidenziare che ormai la versione mobile di un sito non è più un optional ma è diventata più importante della sua controparte PC.
La maggior parte delle persone usa smartphone e telefonini non recenti collegate a reti 3G che non consentono le prestazioni di un PC di fascia media allacciato a una rete ad alta velocità. È quindi fondamentale che i siti siano leggeri, in modo che tutti possano “aprirli” in pochi secondi con qualsiasi dispositivo.
I rallentamenti causati da un sito troppo pesante che non riesce a caricarsi in poco tempo allontanano immediatamente le persone dal sito stesso, infastidite dall’attesa. Un vero pericolo per possibili, futuri, clienti!
I telefonini inoltre presentano una viewport (schermo, finestra di visualizzazione) assai diversa rispetto allo schermo di un computer. È molto più contenuta e ha un formato dalle proporzioni particolari. Inoltre uno smartphone, un tablet o un phablet consentono due diversi orientamenti della viewport: verticale e orizzontale.
Questo impone modifiche sostanziali all’intero sito web.

Un veloce esperimento. Se stai navigando con un computer, prenditi qualche istante per effettuare l'esperimento che segue. Clicca qui. Si aprirà la pagina di Coriokì in un'altra finestra del tuo browser. Ora clicca il pulsante sinistro del mouse sull'iconcina che raffigura due quadratini sovrapposti nell'angolo in alto a destra della finestra. Hai attivato la modalità per modificare le dimensioni della finestra (Se al posto dei due quadratini sovrapposti ci fosse stato un quadrato, saresti già stato in questa modalità). Metti il cursore del mouse sul bordo della finestra finché il puntatore non si trasforma in due freccine che guardano in direzioni opposte. Con queste freccine visibili, premi il pulsante sinistro del mouse e prova a modificare la grandezza della finestra. Guarda come si comportano i pulsanti del menù principale di Coriokì. Si adattano a ogni dimensione e, se stringi moltissimo la finestra, essi si disporranno verticalmente!

Questo accorgimento che ottimizza la disposizione grafica e la adatta ad ogni formato, dal mega schermo al piccolo cellulare, per garantire sempre il massimo della leggibilità viene definita in gergo responsiveness, reattività. I siti in grado di adattarsi al formato della viewport vengono definiti responsive.
Spesso i template gratuiti dei CMS non sono ottimizzati per una perfetta reattività e creano problemi se visualizzati su differenti dispositivi.
Non è obbligatorio che un sito sia responsive. Alcuni siti statici mantengono la stessa disposizione grafica e testuale su qualsiasi formato. Anche questa è un'ottima soluzione: il navigatore può decidere quale parte consultare grazie allo zoom.

Inoltre i siti web creati dal “fai da te” che usano CMS con template predefinito non testano le loro realizzazioni sui diversi dispositivi e sui diversi browser. Firefox, Chrome, Explorer, Safari, Opera non leggono i siti allo stesso modo. Può capitare che un pulsante o un'informazione importanti, ben visibili su un pc attraverso Firefox, presentino errori di visualizzazione usando Safari su smartphone. Non ci si può permettere di perdere un visitatore solamente perché non riesce a trovare ciò che cerca!
Per ovviare a questi problemi l'unica soluzione è verificare che tutti i browser elaborino il sito nella stessa maniera.
Coriokì Studio è estremamente attento a questi fattori e non solo testa i suoi siti sui principali browser e device, ma considera la versione mobile come parte integrante del sito stesso.


Coriokì perciò non vi farà pagare in più la versione mobile, semplicemente si occuperà di realizzare un sito internet adattabile a qualsiasi situazione.


Il cuore del posizionamento: i testi

Ammettendo che un sito dinamico ti possa soddisfare nonostante gli svantaggi finora elencati, sei sicuro di poterlo riempire con testi in grado di catturare l'attenzione di futuri possibili clienti per il tuo lavoro e di riuscire a farlo approdare sulle prime pagine di Google?
Il segreto del posizionamento è tutto nei testi. Tutte le altre variabili sono meno importanti.
Il linguaggio è uno strumento estremamente potente e coinvolge tutti gli aspetti della nostra vita.
L’essere umano è per natura un’entità che basa l'esistenza sui rapporti con gli altri. La sua caratteristica principale è la capacità di interfacciarsi con altri simili per generare situazioni favorevoli (o sfavorevoli) a se stesso e alla comunità.
Questo processo di comunicazione avviene prima attraverso la mimica e, subito dopo, attraverso la parola. La parola può essere pronunciata o scritta.
Quando viene scritta, assume la forma di testo. L’elemento testo (inteso come linguaggio) ci appartiene profondamente e lo utilizziamo di continuo tanto da dimenticarci quasi della sua esistenza, necessario per rapportarsi col mondo e comunicare.
I testi, intesi come l’utilizzo delle parole giuste al posto giusto, sono fondamentali. Un testo interessante, capace di veicolare l’attenzione delle persone - in merito a un particolare ambiente di lavoro, di studio o di intrattenimento - ha un valore di grande rilevanza che risiede proprio nella sua capacità di attirare attenzione.
Per comprendere e spiegare un argomento tanto complesso bisognerebbe spendere una vita a studiare manuali scientifici di antropologia e stilare milioni di pagine, ma non è questo lo scopo dell’articolo in questione.
Però alcuni esempi pratici ci aiutano senz'altro a intuire quanto il linguaggio sia importante per la divulgazione di informazioni e messaggi e quindi, naturalmente, anche per la promozione del proprio lavoro.
In politica, per esempio durante quelle campagne elettorali in cui vince solo chi viene eletto. Non è un caso che i politici di successo siano anche dei professionisti della dialettica (affiancati da affermate agenzie di comunicazione).
Nel settore lavorativo e commerciale, lo slogan giusto riesce a fare decollare un prodotto che, se non supportato da una pubblicità ben congegnata, anche se valido, rimane sconosciuto.
Nel mondo della musica, la parola scritta è la fortuna di una canzone. Una melodia può diventare indimenticabile per intere generazioni o il fuoco di paglia di un’estate. Questa capacità dipende tutta dal testo che contiene.
E non dimentichiamo il fenomeno social network, che fonda il suo successo sulla possibilità di catturare le nostre emozioni in un testo da comunicare agli amici.
Anche nel mondo del web la comunicazione è fondamentale. Consente infatti ai siti internet di “dialogare” con Google. Senza questo incontro è impossibile che i siti web vengano indicizzati e posizionati. Google e i siti interagiscono attraverso le keyword, parole chiave, necessarie a far comprendere al motore di ricerca i contenuti delle pagine web. Individuare keyword mirate e scrivere testi utili al posizionamento nel web è il lavoro di Coriokì, attraverso il quale è possibile far conoscere a molti potenziali clienti il sito della tua attività commerciale.

Google preferisce lo statico

Indubbiamente Google e i suoi spider chiamati googlebot preferiscono i siti leggeri e facili da scansionare. Un sito realizzato con CMS dinamici verrà sempre posizionato dietro a un sito statico, a parità di informazioni contenute e data di pubblicazione.
Questo perché la lentezza con cui viene visionata l'immensa mole di materiale contenuta in un CMS non è paragonabile all'immediatezza con cui viene esaminato un sito statico, assemblato usando solamente il codice e la grafica strettamente necessari.
Come scritto più volte, il posizionamento viene gestito da Google in base alle keyword esaminate.
Google cerca le keyword sia all’interno dei testi che in appositi spazi posti nel codice HTML chiamati meta tag.
L'inserimento di keyword nei meta tag e di testi è molto facile se si scrive un sito da zero, usando un editor di testi per strutturarne l'HTML. In questo modo Coriokì gestisce le informazioni che Google andrà ad esaminare e valuterà quale testo utilizzare per il posizionamento con estrema precisione e controllo.
Ogni pagina ha bisogno delle sue proprie e differenti keyword nei meta tag per comunicare con Google.

Immaginiamo un sito per pubblicizzare una falegnameria. Sarà composto da diverse pagine: la homepage, la pagina dei servizi, una galleria fotografica dei lavori svolti fino a quel momento.
Il codice HTML dovrà contenere meta tag descrittivi diversi per ogni pagina.
Quello della homepage potrebbe essere: “Rossi falegnameria Bellunese. Mobili realizzati a mano, intarsio e restauro mobili antichi”.
La pagina dei servizi presenterà un tag totalmente diverso, del tipo: “Diversi metodi di lavorazione del legno. Realizzazione, rifinitura, levigazione, verniciatura e asciugatura.”
Questo permette di essere il più mirati ed efficaci possibili.

Un CMS come Wordpress invece, permette solamente di utilizzare le stesse keyword per tutte le pagine del sito (a meno che non si utilizzino plug-in). E questa è una pessima pratica in termini di posizionamento.
Quando Google si accorge che molte pagine hanno gli stessi tag nel codice, pensa di trovarsi di fronte a pagine di spam auto generate e ne penalizza il posizionamento.

Se sei intenzionato a pagare qualcuno per realizzare un sito necessario a pubblicizzare la tua attività su internet, informati sempre sulla procedura utilizzata. Se vengono impiegati CMS come Wordpress, Joomla o simili, probabilmente il controllo sulla gestione dei tag e delle keyword per il posizionamento sarà approssimativo nel migliore dei casi, e negativo negli altri.

Gli stessi meta tag in tutte le pagine potrebbero essere letti da Google come spam o come tentativo di guadagnare posizioni usando troppo spesso parole identiche fra loro. Il risultato sarà un declassamento di posizioni.
Spesso si sente dire, anche dai programmatori, che utilizzare un CMS modificato fa risparmiare tempo. Questo non è vero. Gestire e modificare un CMS come Wordpress, Joomla, SilverStripe o Drupal è dispendioso tanto quanto la realizzazione di un sito da zero. Spesso, addirittura, scrivere un sito da zero è più veloce.

In termini di efficacia e controllo del posizionamento su Google, invece, un CSM modificato non sarà MAI performante come un sito scritto completamente ad hoc e su misura.

Questo è certo.

Il consorzio W3C

Il consorzio internazionale W3C (World Wide Web Consortium, Consorzio del Web Globale) è un'istituzione internazionale per la demarcazione di standard di formattazione per la codifica del codice HTML e CSS. In altri termini stila delle precise norme per la creazione di siti internet. Una specie di Accademia della Crusca su internet, con l’autorità di codificare grammatica HTML e CSS, apporre modifiche, monitorare l'evoluzione della rete.
Tutti i siti web fanno riferimento alle regole del W3C.
Esistono siti che le rispettano ed altri che non le rispettano.
Un sito web scritto correttamente viene riconosciuto e premiato da Google posizionandolo davanti a un sito non corretto.

Puoi verificare in ogni momento quanti errori HTML e CSS contiene un qualsiasi sito col W3C Validator al link http://validator.w3.org/(per l’HTML)
e http://jigsaw.w3.org/css-validator/(per il CSS)
Aprendo queste pagina apparirà uno spazio apposito in cui digitare il sito del dominio da controllare. Cliccando sul pulsante “Check”, verrà effettuato il controllo.
La ricerca del W3C Validator riporta il numero e il tipo di errori e i suggerimenti per correggerli.
Il numero di errori presenti nel sito è un ottimo indice per verificare la professionalità di chi lo ha scritto. Una grammatica corretta influenza positivamente il posizionamento. Una grammatica scorretta, lo penalizza.

In presenza di siti come quelli creati da Coriokì Studio, nei quali ogni singola stringa di codice viene scritta manualmente, il controllo del sito è pressoché totale. Questo garantisce una perfetta grammatica web sia HTML che CSS.
Un sito creato con pesanti CMS genera errori la cui correzione non sempre è possibile. In linea generale ogni contenuto dinamico, a meno che non sia perfettamente scritto e condotto, crea altri contenuti che, proprio perché automatici, potrebbero non osservare la grammatica web, risultando, come scritto precedentemente, dannosi per il posizionamento.

In particolari occasioni Coriokì Studio sviluppa anche software web gestionale o semplici CMS, interfacce che non hanno nulla a che vedere con i CMS WordPress, Joomla, Silvestripe o Drupal. Se sei interessato ad approfondire come Coriokì realizza i suoi CMS, clicca qui.

Coriokì, la differenza

Un sito sviluppato da Coriokì studio viene scritto da zero, senza utilizzare template CMS precostituiti e, soprattutto, utilizzando il minor codice possibile. Ogni sua parte viene esaminata, testata e realizzata col massimo della cura, controllata al millimetro, in modo che abbia sempre la maggiore visibilità e si adatti a ogni viewport, browser, sistema operativo e dispositivo.
I codici utilizzati rispettano sempre le norme W3C in modo che il dialogo del sito web con i motori di ricerca sia limpido, cristallino, senza il rischio di perdere preziose posizioni in classifica.
Tutte le immagini e i video presenti nel sito vengono ottimizzati, affinché non siano troppo pesanti ma, allo stesso tempo, conservino una buona qualità.

Coriokì consegna un prodotto chiuso, senza difetti di visualizzazione, altamente ottimizzato, leggero, che si apre velocemente su ogni device, facilissimo da consultare, piacevole da leggere e dedicato, cucito su misura per ogni attività. Inoltre Coriokì regala un anno di assistenza gratuita.

Se hai un lavoro e vuoi ottenere il massimo della pubblicità arrivando sulle prime pagine di internet, il “fai da te” non basta. Non solo non garantisce risultati ottimali ma rischia anche di farti sprecare risorse importanti.
Ottimizza i tuoi investimenti, rivolgiti ai professionisti.


Sito conforme agli standard W3C

html W3C validation css W3C validation